Procedura di verificata post-trasmigrazione degli enti già iscritti nel registro regionale delle associazioni di volontariato

SHARE:

L’Ufficio regionale del Registro unico del Terzo settore sta completando, ai sensi dell’art. 31, comma 4, del D.M. 15 settembre 2020 n. 106, la fase relativa alla trasmigrazione al RUNTS dei dati riguardanti le APS e ODV, tramite l’attività di verifica sulla sussistenza, in capo ai predetti enti, dei requisiti per l’iscrizione ai sensi del Codice del Terzo Settore.
Ai fini del consolidamento dell’iscrizione è basilare acquisire tutti gli elementi informativi necessari, così come previsto dal decreto ministeriale 106/2020 ai sensi dell’art. 8, comma 6.
A tal fine, ogni singolo Ente è destinatario di una comunicazione, trasmessa a mezzo pec,  ove è richiesto la compilazione di una Scheda Informativa, da re-inviare completa dei seguenti documenti [da fornire esclusivamente in formato pdf/a]:
1.    Atto Costitutivo debitamente registrato presso l’Agenzia delle Entrate o, in assenza, dichiarazione di insussistenza o irrecuperabilità debitamente redatta e sottoscritta dal legale rappresentante dell’Ente;
2.    Statuto adeguato alla normativa di cui al D.lgs 117/2017 debitamente registrato presso l’Agenzia delle Entrate;
3.    Attestato in caso di affiliazione ad una rete associativa, rilasciata dal rappresentante legale di quest’ultima. Qualora l’ente si dichiari affiliato a più reti, dovrà essere allegata un’attestazione per ciascuna rete.
Tutti i dati e i documenti richiesti sono obbligatori e la mancata trasmissione di uno o più di questi è elemento ostativo all’iscrizione.
L’invio di quanto richiesto dovrà essere effettuato esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata (pec) all’indirizzo terzo.settore.lfps@pec.regione.calabria.it

Ai sensi dell’art. 6, comma 3 del Decreto Ministeriale n.106/2020, “per tutte le interlocuzioni con le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165, gli ETS si dotino di un indirizzo di posta elettronica certificata” in uso esclusivo all’ente. Non sono ammesse pec riconducibile ad un professionista o quella privata in uso al rappresentante legale pro tempore.
Si rammenta che la presente comunicazione, che rimane un procedimento ex officio, in quanto avviato d’ufficio e non su istanza di parte, si configura al contempo come comunicazione di avvio del procedimento di verifica a partire dalla stessa data, ai sensi del combinato disposto degli articoli 7 e 8, comma 3 della Legge n.241/1990.
L’elenco degli enti per i quali sono pendenti richieste di informazioni e documenti è reso disponibile sul portale del RUNTS all’indirizzo web https://servizi.lavoro.gov.it/runts/it-it/Lista-enti al titolo ENTI IN TRASMIGRAZIONE CHE NECESSITANO DI INTEGRAZIONE
La pubblicazione dell’Ente nel sopracitato registro ministeriale è equiparata ad atto di notifica.
PERTANTO SI INVITANO TUTTI GLI ENTI DEL TERZO SETTORE IN FASE DI TRASMIGRAZIONE DAL REGISTRO REGIONALE DELLA REGIONE CALABRIA OVVERO DAL REGISTRO NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE A VERIFICARE LA PROPRIA POSIZIONE E NEL CASO METTERSI IN CONTATTO CON L’UFFICIO REGIONALE DEL RUNTS TRAMITE EMAIL COMUNICANDO ALL’INDIRIZZO terzo.settore.lfps@regione.calabria.it
Ai sensi dell’art. 31, comma 6, del D.M. 106/2020, l’omessa trasmissione delle informazioni e dei documenti richiesti, entro sessanta giorni, comporta la mancata iscrizione dell’ente nel RUNTS. Di essa è altresì data notizia sul portale del RUNTS, in un’apposita lista degli enti non iscritti. Nel caso di cui al presente comma l’Ufficio non è tenuto a comunicare anticipatamente all’ente inadempiente, ai sensi dell’articolo 10-bis della legge n. 241 del 1990, i motivi ostativi all’iscrizione.

Fonte Regione Calabria