Prorogato termine candidature progetto FQTS Linea Formativa Interregionale 2019

SHARE:

fqts2020

Si comunica che il 10 settembre p.v. si apriranno le candidature per la partecipazione al progetto FQTS degli ETS delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Sardegna.  La possibilità di presentazione delle candidature si chiuderà 8 novembre 2018.
I partecipanti al progetto FQTS sono gli Enti di Terzo Settore delle sei regioni meridionali che parteciperanno al percorso formativo sia direttamente, con tutta la propria struttura, sia individuando ed inviando un proprio volontario/operatore/cooperatore nelle attività formative specifiche che saranno via via proposte.

Per candidarsi bisogna compilare il modulo on line:
https://docs.google.com/forms/d/1kM2BYdZmgnMAMW47DbRRX8mwOGlnSa7K4ZlYS6FxbPc/edit

Per la regione Calabria sono a disposizione n° 20 posti.

Come per  la scorsa annualità sono previsti gli

OPEN DAY CHE PERMETTERANNO AGLI ENTI CANDIDATI DI CONFRONTARSI CON I DOCENTI DELLE LINEE FORMATIVE PER LA DEFINIZIONE DEL MODULO FORMATIVO A CUI POTRANNO PARTECIPARE

La formazione si svolge in due sessioni, che coinvolgeranno sia l’ETS che il volontario/operatore/cooperatore individuato:

1.        Prima sessione a distanza (in piattaforma con i MOOC): avrà inizio il 15 DICEMBRE 2018, e prevede due moduli, uno informatico ed uno tematico che dovranno essere svolti entro il  28 FEBBRAIO 2019

2.        Seconda sessione in presenza si svolgerà su tre appuntamenti, che si terranno a Salerno, in forma laboratoriale.

·        14 -17 MARZO 2019

·        11-14 APRILE 2019

·        19-22 SETTEMBRE 2019

Tra un appuntamento e l’altro della formazione in presenza a partire dal mese di settembre sarà messo in atto dai partecipanti lo sviluppo associativo individuato, i partecipanti alla formazione saranno supportati dagli animatori territoriali per il raggiungimento degli obiettivi.

Ogni partecipante alla formazione sarà accompagnato nella definizione di una specifica azione progettuale di sviluppo organizzativo che dovrà partire da un’idea-esigenza di sviluppo associativo costruito all’interno dell’ETS e che dovrà anche essere descritta brevemente nel modulo di candidatura. E’ assolutamente necessario che l’idea di sviluppo proposta  debba  essere particolarmente sentita e condivisa dalla e nella organizzazione che si candida alla formazione. Il partecipante volontario/operatore/cooperatore si farà quindi carico, su mandato dell’ETS  di seguire concretamente la realizzazione dell’idea progettuale dell’ETS

Tutto il processo nei territori sarà inoltre accompagnato dagli animatori territoriali, formati all’interno dello stesso percorso di FQTS. Tali figure saranno a disposizione dei partecipanti e delle organizzazioni per facilitare la realizzazione della specifica idea di sviluppo, sostenendo di fatto anche un’azione di “people raising” che potrà e dovrà coinvolgere dei giovani selezionati e disponibili ad effettuare “stages” all’interno delle stesse organizzazioni per la realizzazione delle azioni progettuali previste.

Come risulta evidente l’obiettivo finale è quello di sostenere la crescita e l’innovazione degli enti del terzo settore che parteciperanno al percorso formativo, avvicinando e attraendo in questo modo anche nuovi soci, volontari e portatori di interesse.

Percorso non facile e certamente faticoso ma che se fatto con spirito di collaborazione e con la voglia di cambiare  potrebbe portare miglioramenti reali alla propria organizzazione con la sperimentazione di modalità nuove e più efficaci di azioni di solidarietà e di servizio a favore della propria comunità territoriale.

Sarà inoltre proposto ai volontari/operatori/cooperatori che entreranno in formazione di partecipare ad un percorso di emersione e validazione delle competenze acquisite in contesti formali e non formali in riferimento al repertorio delle competenze dei quadri dirigenti di terzo settore. Tale percorso è una diffusa e ampia sperimentazione che potrebbe portare alla realizzazione di un servizio di emersione e validazione delle competenze di cui potrebbero beneficiare in futuro tutti gli ETS.

I referenti regionali

Giuseppe Perpiglia, Giovanni Pensabene